ISTRUZIONE E CULTURA – LE NOSTRE PROPOSTE

Gli strumenti per un’Europa più inclusiva

Solo un accesso universale ai sistemi educativi di qualità fin dall’infanzia, insieme alla valorizzazione della formazione permanente lungo tutto il corso della vita, può ridurre le disuguaglianze, migliorare le capacita professionali e creare vera cittadinanza europea.

Per cogliere tutte le opportunità del mutamento tecnologico, per sviluppare davvero cultura e identità europea, per tutelare il nostro modello sociale è fondamentale realizzare concretamente la parola chiave inclusività nell’istruzione.

Cultura, istruzione, accessibilità sono gli strumenti principali per lottare contro esclusione e marginalizzazione, per rispondere alle fake news, per togliere terreno alle ragioni che sono alla base del populismo e dell’euroscetticismo.

Come PD e progressisti europei dobbiamo avere più coraggio e porci l’obiettivo di una revisione dei Trattati per dare finalmente alla UE più competenze in istruzione e formazione:

·      creiamo davvero lo spazio europeo dell’istruzione, per promuovere concretamente inclusione e opportunità eque, per spingere verso una più forte convergenza dei sistemi di istruzione, per garantire un accesso universale a un’istruzione di qualità,

·      è cruciale ottenere un riconoscimento automatico dei diplomi e dei periodi di studio all’estero, che sono lo strumento migliore per una dare un segno concreto del nostro essere europei e per una migliore qualificazione professionale,

·      rilanciamo il processo di Bologna: serve una cooperazione più forte tra i sistemi universitari nazionali, con focus sui programmi, sui contenuti, sui diplomi,

·      rendiamo stabile la cooperazione tra insegnamento e ricerca, creando finalmente master e dottorati europei comuni,

·      ribaltiamo i trend negativi dei tagli finanziari alle politiche dell’istruzione: non solo per incrementare le infrastrutture, ma anche per la qualità dei salari del personale e per concentrare risorse sulla formazione permanente. Per questo obiettivo la priorità assoluta è triplicare le voci destinate a Erasmus+ nel prossimo quadro finanziario pluriennale dell’UE ora in discussione,

·      difendiamo un approccio europeo all’istruzione, che non può essere solo basato su finalità economiche e occupazionali,

·      riconosciamo l’importanza anche delle componenti non formali dell’istruzione, come la formazione professionale, le attività artistiche, giovanili e sportive, rafforziamo anche la cooperazione con i paesi terzi e il partenariato pubblico-privato,

·      garantiamo un’istruzione di qualità per tutti lungo tutto il corso della vita (lifelong learning), perché l’istruzione è un percorso permanente, fondamentale per adattare le competenze e per valorizzare il capitale umano,

·      l’istruzione è la pietra miliare per costruire vera cittadinanza europea: l’insegnamento dell’educazione civica europea deve essere reso universale dappertutto, come strumento di nuova partecipazione attiva,

·      priorità al digitale come strumento di formazione: poniamo l’obiettivo di avere l’alta velocità in tutte le scuole europee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *